Canguro

Non c’è niente da fare. Ci vogliono convincere – almeno in casa cattolica – che il problema del ddl Cirinnà sulle unioni civili sia essenzialmente sulla stepchild adoption (letteralmente “adozione del figliastro”), soprattutto perché aprirebbe all’utero in affitto.

Così in queste ore tutto il dibattito si è spostato su quest’ultima questione, grazie anche alla rumorosa intervista ad Avvenire del ministro dell’Interno nonché leader del Nuovo Centro Destra (NCD), Angelino Alfano. Egli ha chiesto addirittura che l’utero in affitto sia considerato un «reato universale da punire con il carcere». Ma così facendo ha ulteriormente concentrato l’attenzione su una conseguenza del DDL Cirinnà, distraendo dalla vera questione che – come abbiamo più volte ripetuto – è quella delle unioni civili. Una mossa non casuale: perché se fosse stralciato l’articolo 5 sulla stepchild adoption, alla fine Alfano voterebbe a favore pur se non totalmente soddisfatto della formulazione degli altri articoli.

Ciò che invece il leader del NCD non intende assolutamente fare è mettere in discussione la sua partecipazione a un governo in cui il PD, a cominciare dal presidente del Consiglio Renzi, spinge fortemente per chiudere in fretta la questione e approvare la legge così com’è. C’è anche chi arriva a dire – come Il Sole 24ore – che siamo di fronte a un gioco delle parti: Alfano alza la voce per ingraziarsi i “cattolici moderati” ma lascia che Renzi approvi la legge con il voto dei Cinque Stelle; così il PD ha la legge che vuole, l’NCD si pone come punto di riferimento per quel mondo che ancora crede nella famiglia naturale e poi si continua a governare insieme come se niente fosse. La posizione di Alfano è sfidata da quel gruppetto di parlamentari – da Carlo Giovanardi a Eugenia Roccella – che sono usciti dall’NCD e dal governo proprio in polemica per la posizione assunta sul ddl Cirinnà e che invitano l’NCD a mettere in discussione la presenza nel governo se il PD andrà avanti ignorando gli alleati; posizione peraltro sostenuta anche da qualcuno rimasto nel NCD, come Alessandro Pagano. Ma stessa richiesta fanno anche le associazioni pro-famiglia, quelle del 20 giugno per intenderci, perché questo è un vero e proprio test di credibilità. 

In ballo non c’è una questione semplicemente etica o ideologica o identitaria: se si è davvero convinti che questa legge – adozione o non adozione – darebbe il colpo di grazia alla famiglia e che questo comporterebbe gravi conseguenze sociali ed economiche al punto da minare qualsiasi sogno di ripresa, è chiaro che diventa impossibile fare parte di un governo che vuole proprio questo. Se non si è disposti a mettere in gioco la propria posizione si deve concludere che certi presunti riferimenti ideali sono solo strumentali. E cercare di guadagnare consensi tra i cattolici affermando ora – come fa Alfano – l’intenzione di promuovere un referendum per l’abrogazione della eventuale legge (che poi potrebbe riguardare solo l’articolo sull’adozione) è una mossa politica patetica quanto inefficace.

Nel frattempo ci sono i fantomatici cattolici del PD che – guidati dall’esperto in mediazioni, il senatore Giorgio Tonini – per facilitare il compito offrono all’NCD l’affido rafforzato invece dell’adozione, vale a dire un riconoscimento della genitorialità fino alla maggiore età del figlio che poi deciderà autonomamente se essere adottato o meno. Per ora Alfano dice no. Per ora. Perché da qui al 26 gennaio, quando comincerà la discussione in Senato, possono accadere ancora molte cose, soprattutto visto il rilievo che anche ieri il quotidiano della CEI Avvenire dava a questo tentativo di mediazione dei cattolici del PD. 

Ciò che comunque è evidente è che tra i cattolici in Parlamento – a parte rarissime eccezioni, peraltro da verificare – prevale la convinzione che una certa forma di riconoscimento delle unioni gay sia necessaria (la differenza è sul grado di riconoscimento) e se la Cirinnà – oltre ad evitare il capitolo adozioni – fosse più chiara nel distinguere tra unioni civili e matrimonio non avrebbero alcun problema a votarla. Perché «è un elemento di civiltà», ha detto ieri il ministro Graziano Del Rio. C’è da dire che non è un problema soltanto dei politici, anche in alcune correnti di pensiero delle gerarchie ecclesiastiche si ragiona allo stesso modo.

Bisogna, non da ultimo, anche considerare l’atteggiamento e le posizioni in tema unioni civili del Movimento 5 Stelle. Se da un canto si sono sempre detti favorevoli alle unioni civili, appare strano come in maniera repentina nel giro di poche settimane siano passati da una opposizione muro contro muro a tutti gli atti del governo, qualsiasi essi siano, ad un appoggio incondizionato al DDL Cirinnà e più in generale ad un atteggiamento più possibilista nei confronti del governo. Il motivo c’è ed è passato inosservato ai più disattenti: il PD ha “concesso un accordo sull’elezioni dei giudici della Corte Costituzionale al M5S garantendosi, se non l’appoggio aperto, almeno alcune aperture. In politica questo ci può stare, è il normale gioco delle parti, ma abbiamo impressione che il tempo dell’autosufficienza – il fare tutto da soli senza compromessi – per i pentastellati sia tramontato. In questo caso l’altra impressione che a noi da il movimento 5 stelle è quello di una manovra opportunistica per strappare qualche decimale di punto percentuale nei sondaggi al PD. Ma con i sondaggi non si vincono le elezioni!

Tirando le somme, l’impressione è che dietro tutto questo ci siano manovre di riposizionamento elettorale. Si stanno sacrificando la famiglia, i bambini ed il futuro della nostra società sull’altare di una poltrona politica. Tipico da repubblica delle banane

About The Author

1 Comment

  1. Ravvedetevi darete cotone a Dio!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close